top of page

Aggiornamento normativa ADR


Sulla Gazzetta Ufficiale n. 220 del 20 settembre 2023 è stato pubblicato il Decreto del 07 Agosto 2023 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in calce scaricabile, che regolamenta i casi di esenzione dell’obbligo della nomina del consulente ADR.


Ricordiamo che l’ADR 2019 (Accordo Europeo relativo ai trasporti internazionali di merci pericolose si strada) ha esteso l’obbligo di nomina del Consulente per la sicurezza dei trasporti anche alle imprese che effettuano spedizioni di merci pericolose su strada prevedendo però per questi operatori un periodo di deroga terminato il 31/12/2022.

Le esenzioni previste dal quadro normativo previgente lasciavano spazio a dubbi interpretativi circa la figura dello “speditore”, per il quale si prefigurava l’obbligo di nominare un consulente ADR a partire dal 1° gennaio 2023.

A seguito delle numerose richieste di chiarimento ricevute, la Confederazione, negli scorsi mesi, è intervenuta direttamente sul Ministero dei Trasporti sollecitando una interpretazione autentica dei casi di esenzione e chiedendo l’inclusione – tra questi- degli speditori onde evitare impatti gravosi, con gli adempimenti conseguenti su un gran numero di imprese impegnate in piccole spedizioni occasionali di qualsivoglia merce pericolosa, quale può essere, ad esempio, l’avvio a recupero o smaltimento una tantum di quantitativo minimo di rifiuto pericoloso.


Con IL D.M. in parola, il Ministero Infrastrutture e Trasporti ha definitivamente chiarito:

  • le condizioni per le quali le imprese che svolgono attività di spedizioni o trasporto, oppure una o più delle connesse attività di imballaggio, carico, riempimento oppure scarico di merci pericolose su strada sono esentate dalla nomina del consulente per la sicurezza in conformità a quanto previsto dal paragrafo 1.8.3.2. dell’ADR;

  • I casi di esenzione per natura del trasporto, limiti quantitativi o disposizioni speciali;

  • i casi di esenzione per trasporti in colli prevendendo i limiti quantitativi per anno e mese solare;

  • le modalità di registrazione ed archiviazione del registro interno di monitoraggio del numero di spedizioni;

  • i casi di esenzione per spedizioni occasionali o saltuarie connesse ad attività di spedizione, trasporto, riempimento e scarico di merci pericolose e le relative modalità di esecuzione;

  • i casi di esenzione per le imprese unicamente destinatarie di spedizioni di merci pericolose, in colli, in cisterna oppure alla rinfusa, per le quali il luogo di ricezione si configuri come destinazione finale di tali merci.


Per tutti i casi esentati, l’articolo 7 prevede delle prescrizioni di sicurezza, in base alle quali il legale rappresentante dell’impresa:

  • assicura che tutte le altre disposizioni dell’ADR nella misura e nelle modalità in cui risultino applicabili, siano verificate e puntualmente rispettate, tenendo conto degli aggiornamenti delle norme e delle procedure interne;

  • è responsabile della constante formazione in merito al trasporto di merci pericolose secondo quanto previsto nel capitolo 1.3. dell’ADR;

  • deve assicurarsi, nel caso di incidenti gravi o eventi imprevisti che si siano verificati nelle fasi di carico, riempimento, trasporto o scarico di merci pericolose, dell’inoltro al competente ufficio di motorizzazione civile del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del rapporto in conformità alla sezione 1.8.5.4 dell’ADR, riportando la condizione di esenzione della nomina del consulente.

L’Ufficio categorie rimane a disposizione per chiarimenti.

Scarica il decreto completo

MIT_DECRETO_7agosto2023_esenzioni_ADR
.pdf
Download PDF • 109KB

bottom of page