D.LGS 116/2020 Nuova classificazione dei rifiuti: gli effetti sulla tari


Il Decreto legislativo n. 116 del 2020 ha apportato significative modifiche al Codice dell’Ambiente (D.lgs n. 152/2006). La disciplina prevede una nuova classificazione di rifiuti fondata sulla bipartizione tra rifiuti urbani da un lato e rifiuti speciali dall’altro. Scompare quindi la categoria dei rifiuti assimilati con conseguente soppressione della potestà regolamentare comunale di assimilazione per qualità e quantità. In particolare, la nuova definizione di rifiuti urbani e la facoltà di uscita dal servizio pubblico di cui all’art. 238 co. 10, determinano importanti conseguenze sia sull’organizzazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani sia sul gettito del prelievo sui rifiuti medesimi. Il rischio è che la nuova misura possa tradursi in un aumento vertiginoso della Tari sui cittadini e sulle piccole attività per coprire i costi di gestione.

È opportuno e necessario un intervento urgente del Ministero dell’Ambiente e del Ministero dell’Economia e delle Finanze con riguardo alla tematica ambientale nella sua più stretta correlazione con le tematiche fiscali di competenza dei Comuni.


Confartigianato ha proposto un emendamento alla Legge di bilancio 2021 sull'allineamento tra il nuovo testo unico ambientale e la legge tributaria istitutiva della TARI che tuttavia a dicembre veniva respinto. Ad oggi non solo è "dovuto", ma torna ad essere urgente ed attuale per eliminare la confusione.

L'associazione dei Comuni (ANCI) concorda con Confartigianato sulla assoluta necessità di modificare la legge tributaria istitutiva della TARI (Legge 147/13) con l'attuale testo unico che ha eliminato il concetto di assimilabilità dei rifiuti.

Inoltre ANCI ha chiesto ufficialmente di rinviare la nuova disciplina sulla classificazione dei rifiuti al 1° gennaio 2022 con un emendamento alla legge di conversione del decreto milleproroghe in corso alla camera.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi e vi chiediamo di segnalarci eventuali aumenti della Tari applicati dai vostri comuni ciò al fine di coordinare un’eventuale azione a livello nazionale.

News recenti
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Milano - Viale Jenner, 73

Monza - Viale G.B. Stucchi, 64

email: apa@apaconfartigianato.it

pec: segreteria.apa@servia.telecompost.it

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158