Ricorsi verso il MiBACT - aggiornamenti

18/01/2018

 

Si comunica che indata 22/12/2017 è stato depositato, tramite gli Avv.ti Trombetta e Fedele, il ricorso avverso al MiBACT per l'annullamento del Decreto n.154 del 22.08.2017 "Regolamento sugli appalti pubblici di lavori riguardanti i beni culturali tutelati" ai sensi del decreto legislativo 22.01.2004 n. 42 di cui al D.L.vo 18.04.2016 n.50 pubblicato in G.U. 252 del 27.10.2017.

 

 

 

 

 

Il ricorso, presentato congiuntamente con CNA e ARI, si basa sui seguenti motivi:

  • eccesso di potere per la violazione e la falsa applicazione degli artt. 3 e 97 della Costituzione e degli artt. 29 e 182 del D.Lgs 42/2004 e 1,comma 1 bis L. 7/2013 e del D.M. 86/2009;

  • violazione dell'art. 146 comma 4 del D.Lgs 50/2016 (Codice degli appalti) e eccesso di delega e di potere, nonché la disparità di trattamento per la qualifica di restauratore;

  • violazione dei principi di concorrenza e di massima partecipazione alle gare d'appalto.

 

Come è possibile leggere nel presente documento il ricorso mette in evidenza gli aspetti legati alle forti discriminazioni introdotte per la categoria e per la figura unica di restauratore di BBCC.

 

Si coglie l’occasione per dare rilievo a due sentenze sui ricorsi del 2016 nei quali la federazione è intervenuta ad adiuvandum avverso i provvedimenti del MiBACT relativi alla pubblicazione degli elenchi parziali e alle proroghe dei lavori della Commissione di valutazione. Le due sentenze, pur dichiarando inammissibili i ricorsi per carenza di interesse entrano nel merito di alcuni aspetti facendo emergere le criticità che erano alla base delle istanze di Confartigianato.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158