top of page

EXPORT – I finanziamenti Simest si possono chiedere fino al 31/05/2022


Prorogato al 31 maggio 2022 il termine per la presentazione delle domande per richiedere i finanziamenti Simest a tasso agevolato (dello 0,051%) con una quota a fondo perduto fino al 25%, a sostegno delle pmi impegnate nei processi di internazionalizzazione e di transizione digitale ed ecologica. Il finanziamento potrà avere una durata complessiva di sei anni, di cui due anni di preammortamento e 4 anni per il rimborso.

Spese per la transizione digitale. Sono finanziabili le spese relative a beni o servizi, inclusi hardware, software, macchinari e impianti purché figuri una chiara finalità legata alla transizione digitale dell’impresa richiedente mediante l’interconnessione ai sistemi aziendali o attraverso la digitalizzazione dei processi. Sono inoltre finanziabili macchinari usati o in leasing. Sostenibilità. Sono finanziabili spese relative a beni o servizi, inclusi macchinari e impianti, ed eventuali valutazioni di impatto ambientali strumentali/funzionali alla realizzazione dell’investimento stesso. Tali spese sono finanziabili purché risultino direttamente connesse alla sostenibilità e alla transizione ecologica dell’impresa richiedente, in termini, per esempio di efficientamento energetico, gestione dei rifiuti, mitigazione dell’impatto climatico. Internazionalizzazione. Sono finanziabili le spese per l’affitto o l’acquisto di nuove strutture commerciali (una sola struttura per ciascuna tipologia tra negozio, ufficio, showroom o corner), aperte durante il periodo di realizzazione (non avviate prima della richiesta di finanziamento). La conformità delle strutture alle finalità dell’internazionalizzazione dovrà risultare dal contratto d’affitto o di acquisto contenete la destinazione d’uso. Sono escluse le spese relative al personale, ai viaggi, e alla gestione delle strutture, anche per il tramite del leader locale. Le spese devono riguardare attività promozionali all’estero; per consulenze legate all’internazionalizzazione incluso il Temporary Export Manger. Sono finanziabili consulenze legali e fiscali direttamente connesse all’investimento all’estero. Sono escluse. Non sono finanziabili le spese promozionali e/o spese per i social media nell’ambito della categoria “Transizione digitale” in quanto tali spese non sono collegate a processi di transizione digitale dell’impresa richiedente. Inoltre, la formazione su Industria 4.0 non può essere realizzata da personale interno all’impresa inquanto le spese finanziabili devono riguardare una formazione erogata da un fornitore terzo con presentazione della relativa fattura in sede di rendicontazione. Le spese relative al personale interno all’impresa richiedente sono sempre escluse.

I finanziamenti Simest/PNRR

  • L’importo massimo è pari al minore tra 300 mila euro e il 25% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa richiedente

  • l’esposizione complessiva dell’impresa richiedente verso il Fondo Simest non dovrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci

  • Quota di co-finanziamento: spetta fino al 40% dell’importo massimo dell’intervento alle imprese con sede operativa da almeno 6 mesi in una delle regioni del Mezzogiorno e fino al 25% se la sede operativa è in altre regioni

  • Il co-finanziamento è erogato nei limiti dell’importo massimo dopo la verifica del Plafond Temporary Framework disponibile dall’impresa richiedente

Comments


bottom of page