top of page

Decontribuzione /Bonus per le lavoratrici con figli



La Legge di Bilancio 2024 ha introdotto un nuovo esonero previdenziale a favore delle lavoratrici con figli, in un’ottica di valorizzazione della natalità. L’esonero in esame viene applicato sulla quota di contributi a carico della lavoratrice madre.

Vediamo, di seguito, chi ne ha diritto e di cosa si tratta.

Possono accedere all’esonero le lavoratrici madri dipendenti da datori di lavoro privati e pubblici, con l’esclusione dei rapporti di lavoro domestico. Nello specifico l’esonero viene previsto nei confronti delle lavoratrici:

  • Madri di due figli di cui il più piccoli abbia un’età inferiore a 10 anni (9 anni e 364 giorni) nel periodo ricompreso dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024;

  • Madri di tre o più figli di cui il più piccolo abbia un’età inferiore a 18 anni (17 anni e 364 giorni) nel periodo ricompreso dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026;

La riduzione spetta anche alle lavoratrici che hanno bambini in adozione o in affidamento e trova applicazione per tutti i rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, anche part – time, sia già in essere sia che verranno instaurati nel periodo di vigenza dell’esonero. Sono inoltre agevolabili, i rapporti di apprendistato, quelli a tempo indeterminato a scopo di somministrazione e quelli instaurati in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro.


In che cosa consiste

L’esonero previsto per le lavoratrici in argomento è pari al 100% della contribuzione previdenziale IVS a loro carico, nel limite massimo di 3.000,00 euro annui, da riparametrare su base mensile. Di conseguenza, la soglia massima di esonero prevista mensilmente è pari a 250,00 euro. 

Nel caso di rapporto instaurati o risolto nel corso del mese, l’esonero va riproporzionato assumendo a riferimento la misura di 8,06 euro (250/31) per ogni giorno di fruizione. Si precisa che l’importo del bonus concorrerà alla formazione del reddito imponibile ai fini IRPEF.

L’esonero spettante per le lavoratrici part time non deve essere riparametrato ed in caso la madre, sia titolare di più rapporti di lavoro, potrà avvalersi dell’esonero per ciascun rapporto di lavoro in corso.


Come richiederlo

Per accedere all’esonero la lavoratrice madre dovrà comunicarlo al proprio datore di lavoro, rendendo noti il numero dei figli e i loro codici fiscali che, a sua volta li trasmetterà all’Inps per comprovare la sussistenza dei requisiti.

Comments


bottom of page