Nel 2018 gli investimenti delle imprese a +5,6%. mentre quelli pubblici a -4,3%

30/04/2019

 

L’analisi degli ultimi dati di contabilità nazionale pubblicati il 9 aprile dall’Istat evidenzia che nel 2018 la dinamica della domanda interna, a prezzi correnti, è sostenuta dall’aumento del 3,9% degli investimenti fissi lordi a fronte di un aumento dell’1,8% dei consumi.

Nel 2018 gli investimenti fissi lordi sono per l’88,0% in capo al settore privato ed in particolare i due terzi (66,0%) si concentrano nelle imprese e appresentano oltre un decimo (11,6%) del PIL.

Nell’ultimo anno gli investimenti crescono del 3,9% trainati dal +5,6% per le imprese (+5,2% del settore privato nel suo complesso) mentre nel settore pubblico diminuiscono del 4,3%. Sia gli investimenti totali che quelli privati segnano il quarto aumento consecutivo mentre quelli pubblici sono in calo dal 2013 con l’eccezione dell’aumento osservato nel 2017.

L’analisi nel quinquennio 2013-2018 indica che gli investimenti privati cumulano un aumento del 16,7% (+23,3% per le imprese) ed all’opposto quelli pubblici sono in flessione del 3,8%.

Per quanto riguarda il peso degli investimenti sul PIL il settore privato mostra una quota del 15,5%: in particolare per le imprese si rileva, come abbiamo visto, una quota sul PIL dell’11,6% che in un anno cresce di 0,4 punti percentuali ed in cinque anni di 1,3 punti.

Nel confronto internazionale gli investimenti pubblici in Italia nel 2018 rappresentano il 2,1% del PIL, una quota inferiore di 0,6 punti rispetto alla media dell’Eurozona (2,7%) e che posiziona l’Italia al penultimo posto in UE davanti ad Irlanda e Portogallo (2,0%). Il gap di investimenti pubblici fissi lordi tra Italia e Eurozona vale 10,6 miliardi di euro.

La scarsità degli investimenti pubblici non consente di colmare l’ampio gap infrastrutturale dell’economia italiana e aggrava le condizioni di scarsa digitalizzazione della Pubblica amministrazione. Infine la spesa per investimenti, grazie a più elevato moltiplicatore, garantisce maggiore crescita, vitale per mantenere in equilibrio gli indicatori di finanza pubblica: come abbiamo evidenziato in una nostra recente analisi, simulazioni condotte della Banca d’Italia evidenziano che il moltiplicatore degli investimenti è vicino ad uno già dal primo anno. La tendenza negativa dell’accumulazione di capitale pubblico potrebbe proseguire nel 2019; a tal riguardo si ricorda che, dopo l’accordo con la Commissione europea, la manovra di bilancio approvata a fine dicembre ha ridotto di un miliardo di euro la spesa per investimenti della PA e per contributi agli investimenti per quest’anno.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158