Storica approvazione del cosidetto “Decreto pelle” a tutela del Made In

10/06/2020

 

Risultato importantissimo per il settore conciario italiano e per la filiera delle pelli in generale, infatti, in data 28 maggio, è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il cosiddetto “ DECRETO PELLE” che sancisce nuove disposizioni in materia di utilizzo dei termini cuoio, pelle e pelliccia nella produzione conciaria.

In particolare, viene offerta una definizione dei termini di pelle e cuoio più corretta e in linea con le normative tecniche e comunitarie.

Viene posto il divieto di utilizzare i termini “cuoio” e “pelle”, anche come prefissi e suffissi,  per identificare materiali non derivanti da spoglie di animali come avviene oggi per i poco ortodossi termini ecopelle, vegan leather e simili utilizzati per indicare i materiali sintetici.

Inoltre, il Decreto contiene disposizioni che riguardano esclusivamente i requisiti essenziali di composizione che i prodotti e i manufatti con essi fabbricati devono soddisfare per poter essere immessi sul mercato. L’obiettivo è quello di avere una chiara ed univoca indicazione dei materiali utilizzati e di eliminare possibili ostacoli al potenziamento del mercato.

L’attività di accertamento delle eventuali violazioni sarà svolta dalle Camere di Commercio, dall’Agenzia delle Dogane, dalla Guardia di finanza e dalla Polizia Giudiziaria. Tra le condotte che saranno punite sono ricomprese la mancanza di etichetta o contrassegno e l’utilizzo di etichetta o contrassegno non conforme ai requisiti richiesti.

Confartigianato Imprese, che ha seguito l’iter e si è fatta promotrice delle richieste della categoria, si è espressa positivamente nei confronti dell’introduzione della nuova disciplina.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti

01/07/2020

Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158