Coronavirus: rischio professionale da esposizione virale

17/03/2020

 

Con l’entrata in vigore del DPCM 11 marzo, resta valida la necessità dell’autorizzazione per muoversi per chi ha comprovate ragioni lavorative e il rischio da esposizione virale al Coronavirus è diventato un rischio professionale per i lavoratori. 

 

Pertanto il Datore di lavoro, sentito il proprio RSPP e il Medico Competente, dovrà assicurare misure di prevenzione e protezione adeguate e fornire i Dispositivi di Protezione Individuali. Il Datore di lavoro dovrà, altresì, predisporre una comunicazione a tutti i lavoratori e agli RLS sul rischio agenti biologici virali e sulle misure di prevenzione e protezione adottate.

  

 

Come smaltire i DPI prodotti durante l'attività domestica, professionale e produttiva

Il Rapporto ISS COVID19 n.3/2020 dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) prevede le seguenti procedure:

AMBITO DOMESTICO - mascherine e guanti (DPI) usati vanno gestiti come rifiuti indifferenziati con il consiglio di avvolgere i rifiuti indifferenziati prodotti in 2 o 3 sacchetti resistenti (uno dentro l’altro) all’interno del contenitore utilizzato abitualmente.

AMBITO PROFESSIONALE E PRODUTTIVO 

1)   se l’azienda ricade in ambito municipale e ha una quota parte dei rifiuti prodotti “assimilabili” agli urbani, i DPI usati possono essere gestiti come sopra indicato: rifiuti indifferenziati chiusi in un sacchetto doppi o tripli (ritiro porta a porta da azienda Municipalizzata)

2)   se l’azienda non ha alcuna possibilità di considerarli “assimilabili” dovrà garantire che non vengano avviati a raccolta differenziata ma presso impianto autorizzato

Codice CER possibile: 150203 - assorbenti, materiali filtranti, stracci, e indumenti protettivi  

3)  applicare il DPR 254/03 che dà la possibilità di classificare come rifiuto sanitario a rischio infettivo anche rifiuti prodotti al di fuori delle strutture sanitarie: codice CER 180103*- rifiuti a rischio infettivo. Quest’ultima soluzione, che consigliamo di prendere in considerazione solo laddove non trovino applicazione le procedure dei punti 1) e 2), rappresenta sicuramente quella più cautelativa ma senza dubbio quella più onerosa. Occorre seguire alla lettera e con rigore tutte le regole della gestione dei rifiuti sanitari: doppio contenitore, chiusura ermetica, deposito temporaneo, trasporto autorizzato, ADR e incenerimento.

Scarica il "manifesto" ISS

 

Leggi la news correlata “Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID – 19

 

Consultare la guida Coronavirus del gruppo di lavoro ATS Brianza 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti

01/07/2020

Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158