Area B, la nuova zona a traffico limitato del Comune di Milano

21/02/2019

Tra pochi giorni, precisamente il 25 febbraio, il Comune di Milano avvierà la nuova Area B che sarà attiva da lunedì a venerdì dalle 7:30 alle 19:30, esclusi i festivi.

La nuova area che coincide con gran parte del territorio della città di Milano, è una zona a traffico limitato con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti oltre a quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci e i veicoli che trasportano merci pericolose.

A differenza dell’Area C non sarà previsto nessun pagamento per le tipologie di veicoli che potranno accedere ancora.

 

«La nostra Associazione è sempre stata presente ai tavoli istituzionali a tutela dei suoi artigiani – spiega Giovanni Barzaghi, Presidente di APA Confartigianato per Milano, Monza Brianza -  Con le altre Associazione di categoria, abbiamo ottenuto l’estensione del deferimento dell’entrata in vigore del divieto per i veicoli Euro 4 al 2020, per dare alle imprese il tempo minimo per adeguare la propria flotta. Inoltre abbiamo combattuto per ottenere un sistema di deroghe e agevolazioni per le imprese che operano sul territorio del Comune di Milano».

 

Di seguito si riepilogano le caratteristiche della nuova Area B e le scadenze da tener presente per eventuali investimenti nel proprio parco veicolare.

 

L’Area

 

Il territorio della nuova area riguarderà l’intera territorialità del Comune di Milano. Sarà possibile visionare il posizionamento dei varchi sulla mappa navigabile predisposta dal Comune di Milano sul sito istituzionale a questo indirizzo.

I varchi con le telecamere sono predisposti lungo le strade di accesso alla città; la loro posizione consente di evitare un accesso involontario all’Area B, lasciando la possibilità di svolta e seguire un itinerario alternativo all’accesso.

 

 

I veicoli che non potranno accedere da lunedì 25 febbraio 2019

 

a.Autoveicoli trasporto persone

  •          Benzina Euro 0

  •          Diesel Euro 0-1-2-3 senza FAP

  •          Diesel Euro 3 con FAP di serie e campo V.5 > 0,025 g/km oppure senza valore

  •          Diesel Euro 0-1-2-3 con FAP after-market con classe massa particolato < Euro 4

  •          A doppia alimentazione Gasolio/GPL e Gasolio/Metano Euro 0-1-2

 

b.Autoveicoli trasporto cose

  •          Benzina Euro 0

  •          Diesel Euro 0-1-2-3-I-II-III senza FAP

  •          Diesel Euro 3 leggeri (N1) con FAP di serie e campo V.5 > 0,025 g/km o senza valore

  •          Diesel Euro III pesanti (N2-N3) con FAP di serie e campo V.5 > 0,02 g/kWh o senza valore

  •          Diesel Euro 0-1-2-3 leggeri (N1) con FAP after-market e classe massa partic. < Euro 4

  •          Diesel Euro 0-I-II-III pesanti (N2-N3) con FAP after-market e classe massa partic. < Euro IV

  •          A doppia alimentazione Gasolio/GPL e Gasolio/Metano Euro 0-1-2-I-II

 

c.Autobus

  •          Benzina Euro 0

  •          Diesel Euro 0-I-II (M3) senza FAP adibiti al Trasporto Pubblico di Linea

  •          Diesel Euro 0-I-II (M2-M3) senza FAP non adibiti al Trasporto Pubblico di Linea

  •          Diesel Euro III senza FAP

  •          Diesel Euro III con FAP di serie e campo V.5 > 0,02 g/kWh o senza valore

  •          Diesel Euro 0-I-II-III con FAP after-market con classe massa particolato < Euro IV

  •          A doppia alimentazione Gasolio/GPL e Gasolio/Metano Euro 0-I-II

 

d.Motoveicoli e ciclomotori

  •          A due tempi Euro 0-1

 

e.Veicoli, o complessi di veicoli, con .

 

f.L’accesso e la circolazione dinamica alla ZTL Area B, dalle ore 00.00 alle ore 24.00, dal lunedì alla domenica dei è subordinato alla registrazione della targa

 

 

Agevolazioni e deroghe

 

Il Comune di Milano ha avviato contestualmente all’introduzione dell’Area B alcune agevolazioni attive solamente il primo anno e delle deroghe per particolari situazioni. Per una miglior comprensione delle stesse, si premette che viene sanzionata la sola circolazione dinamica dei veicoli non ammessi all’Area B, questo indica che veicoli in regolare sosta che non stanno circolando, e che non soddisfano i requisiti, non verranno sanzionati.

Le agevolazioni sono state messe in atto per rafforzare il processo di conoscenza del divieto di accesso e circolazione dinamica, ferme restando le limitazioni e i divieti previsti dalla norma regionale, è riconosciuto ad ogni veicolo una deroga d'ufficio di 50 giorni di circolazione dinamica, anche non consecutivi purché la movimentazione del veicolo non integri violazione della normativa regionale definita da Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell’Aria. Tale deroga è riconosciuta solo al primo anno di entrata in vigore del divieto a cui è soggetto il veicolo derogato ed è riferita al periodo di 12 mesi compreso tra il 1° ottobre ed il 30 settembre dell'anno successivo; faranno eccezione i veicoli soggetti al divieto di accesso al momento di entrata in vigore della disciplina Area B , per i quali la concessione dei 50 giorni è riferita al periodo di 12 mesi compreso tra il 25 febbraio 2019 ed il 24 febbraio 2020.

 

Per quanto riguarda le deroghe, sia per quanto riguarda i divieti ambientali che per quanto riguarda quelli dei veicoli con lunghezza superiore ai 12 m, data la complessità delle casistiche, invitiamo a prendere visione delle stesse sul portale del Comune di Milano al seguente indirizzo Area B: agevolazioni e deroghe

 

Infine il Comune di Milano ha attivato una particolare deroga per gli operatori del commercio ambulante che dispongono di veicoli inquinanti il cui impiego è, però, limitato. Essi possono aderire ad un sistema di monitoraggio dell’effettivo utilizzo del mezzo all'interno di Area B attraverso un particolare sistema illustrato nella pagina disponibile a questo indirizzo.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158