Trasporti nell'Unione europea: tendenze e problemi attuali

18/05/2018

 

A livello europeo è stata pubblicata una relazione che traccia una panoramica delle principali sfide che i trasporti devono affrontare sia a livello dell'UE che negli Stati membri. La relazione ha individuato le tendenze e le questioni chiave per ogni singola area di trasporto europea; di seguito sono stati stralciati i punti relativi al nostro paese.


PROBLEMI ATTUALI PRINCIPALI IN ITALIA

 

Numero 1 - Qualità dell'infrastruttura di trasporto
L'Italia ha un rendimento inferiore alla media UE in tutti i principali indicatori di qualità dell'infrastruttura. Le scarse prestazioni ha effetti negativi sulle attività economiche dell'Italia. Le persone in Italia hanno trascorso quasi 38 ore nel traffico congestionato nel 2016.
Di conseguenza, il livello di soddisfazione degli operatori economici e del pubblico in generale per le infrastrutture nazionali è basso. Per i porti, la mancanza di collegamenti intermodali con l'entroterra rimane una delle principali cause di inefficienza. La situazione è particolarmente difficile nelle regioni meridionali in cui è presente solo l'8% degli ormeggi collegato alla rete ferroviaria interna contro il 48% nel nord.
Esiste ancora un divario tra nord e sud in termini di dotazione di infrastrutture e gestione del traffico sotto l’aspetto tecnologico, che crea disparità, in particolare per quanto riguarda la sicurezza delle ferrovie regionali.

 

Numero 2 - Prestazioni del trasporto pubblico, in particolare del trasporto locale
Tra le cinque maggiori economie dell'UE, l'Italia mostra il rapporto più basso tra entrate operative e costi operativi sia nelle aree rurali che metropolitane. Il governo riconosce la necessità di migliorare tale rapporto e ha istituito un Osservatorio (Osservatorio Nazionale sulle politiche del trasporto Pubblico Locale) per monitorare l'efficienza delle imprese di trasporto che svolgono servizi pubblici.
Un rapporto pubblicato dall'Osservatorio nel maggio 2017 conferma la scarsa performance economica del trasporto locale e gli alti sussidi richiesti. Sebbene nella legislazione siano previste sanzioni per i malcapitati, secondo il Ministero dei Trasporti, questo sistema di sanzioni non è stato pienamente applicato. Le entrate sono inoltre influenzate dal basso livello delle tariffe dei trasporti pubblici e dall'evasione delle tariffe.

 

Numero 3 - Concorrenza nei servizi di trasporto
Un maggiore ricorso a gare d'appalto competitive per i contratti di servizio pubblico è fondamentale per migliorare la qualità e l'economicità di servizi. Nel settore ferroviario, solo 5 regioni hanno organizzato gare competitive fino ad oggi, e tre non hanno avuto esito positivo a causa di azioni legali.
Molte regioni hanno già aggiudicato direttamente contratti ferroviari a Trenitalia che li vincola per 15 anni ad investimenti della società in nuovi mezzi rotabili. La più volte annunciata privatizzazione della società ferroviaria (Ferrovie dello Stato) non si è materializzato finora.
Nel 2017, l'Autorità garante della concorrenza italiana ha rilevato che l'obbligo di detenere una licenza ferroviaria nazionale per l'esercizio di servizi ferroviari nazionali di passeggeri ha ostacolato l'ingresso concorrenziale.
Per quanto riguarda le autostrade, oltre alla questione cronica delle concessioni autostradali concesse direttamente, c'è ancora nessuna concorrenza sul mercato dei sistemi di pedaggio elettronico.

 

Numero 4 - Sicurezza delle ferrovie regionali
Dopo un incidente che ha causato la morte di 80 passeggeri nella regione meridionale della Puglia nel 2016, grave carenze nella sicurezza delle infrastrutture ferroviarie su 3000 km di linee locali / regionali gestite dalle regioni è diventato evidente. Le autorità italiane hanno adottato un decreto in base al quale le responsabilità sulle linee regionali è diventato soggetto alla supervisione della National Safety Authority e soggetto all'applicazione della sicurezza con requisiti in linea con le norme dell'UE. L'operatore storico italiano ha accettato di subentrare in questa infrastrutture e il governo ha impegnato 300 milioni di euro.

 

Numero 5 - Scissione modale
Anche se l'Italia registra un elevato utilizzo di passeggeri auto e nel 2015 i viaggi in macchina hanno rappresentato più dell'80% dei passeggeri-chilometri percorsi, questo rimane leggermente al di sotto della media UE. L'impiego di autobus e pullman è superiore alla media in Italia, tuttavia l'uso di rotaie, tram e metropolitana rimane inferiore alla media UE.  Per il trasporto di merci su strada si è registrata la più alta percentuale di tonnellate-chilometri trasportate.
Le vie navigabili interne non svolgono alcun ruolo nel trasporto merci in Italia.

 

Numero 6 - Prestazioni del settore logistico
Secondo la Banca Mondiale, il settore logistico in Italia è al 21 ° posto nel mondo, e il 12 ° in un Confronto a livello europeo. Il settore soffre di frammentazione e mancanza di digitalizzazione. La integrazione Multimodale per promuovere l'accessibilità e la connettività logistica potrebbe anche aiutare a migliorare le prestazioni del settore.

 

Numero 7 Sicurezza stradale
L'Italia ha una posizione media rispetto all’ammontare annuo di morti per milione abitanti. Nel 2016, l'Italia ha registrato 3.283 morti o 54 morti per milione di abitanti (la media UE è pari a : 50).
La quota di vittime tra i motociclisti è, tuttavia, allarmante: l'Italia rappresenta il 12% della popolazione dell'UE, il 25% dello stock di PTW e 18% di tutti i decessi per motocicli. Inoltre, solo il 68% circa di motociclisti indossa un elmetto.

 

Numero 8 Carburanti alternativi nel trasporto su strada
Dopo alcuni anni di sviluppo positivo, il quota di mercato dei nuovi veicoli per il trasporto di passeggeri che utilizzano carburante alternativo sono diminuiti considerevolmente.
Per il 2020, l'Italia stima basse quote di nuove vendite (1% - 3%) di veicoli elettrici e elettrici veicoli su strada (0,1% - 0,3%).
Il CNG detiene la quota maggiore di carburanti alternativi in Italia per le nuove autovetture. L'Italia non ha una fitta rete di punti di rifornimento pubblico, la maggior parte è situata nelle regioni del nord. Tuttavia, a livello nazionale, l'Italia dovrebbe avere almeno un rifornimento di carburante a metano ogni 600 veicoli CNG sulla strada.

 

Numero 9 Apertura del mercato nel settore ferroviario
A livello legislativo, il mercato ferroviario è già aperto in Italia. Tuttavia, la concorrenza non c’è ancora, con la notevole eccezione dell'alto segmento ferroviario veloce.
La posizione trincerata del gestore ferroviario rende difficile l'ingresso sul mercato. Per Il cittadino italiano la compagnia ferroviaria “Ferrovie dello Stato SpA” è organizzata come una holding che controlla sia il gestore dell'infrastruttura (RFI) che operatore, (Trenitalia). La legge italiana consente alle regioni di liberamente offrire i loro contratti di servizio pubblico, ma molto pochi lo hanno fatto. Inoltre, ci sono alcuni aspetti legali che restringono la concorrenza, come ad esempio i requisiti di licenza

 

Numero 10 Quota di energia rinnovabile nei trasporti
L'Italia è ancora lontana dal raggiungere per il 2020 la propria quota di energia nel settore dei trasporti (10%) rinnovabile nonostante il paese sia uno dei principali consumatori di biodiesel.
Nonostante siano state approvate delle modifiche nei regimi di sostegno per le energie rinnovabili (Ad esempio, tagli retroattivi nelle tariffe di immissione per gli esistenti progetti), l'incertezza sul post-2016 del quadro normativo per le energie rinnovabili, è ancora caratterizzato da onerose procedure amministrative, che hanno provocato una crescita limitata del mercato durante l'ultimo paio di anni.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158