Speciale Legge di Bilancio 2018: concluso l'esame del Dll di bilancio in commissione al Senato

01/12/2017

La Commissione Bilancio del Senato ha concluso l’esame del ddl di bilancio votando il mandato ai relatori a riferire in Aula. L’esame del provvedimento da parte della Commissione è stato particolarmente complesso. Dei 4.000 emendamenti presentati sono stati esaminati circa 700, ovvero quelli segnalati dai gruppi parlamentari. A questi si sono aggiunti gli emendamenti del Governo e quelli dei relatori.

Tra gli emendamenti del Governo presentati uno è stato relativo alle proroghe di termini. Sembrerebbe, infatti, che quest’anno non ci sarà il consueto decreto legge di fine anno in materia.

Confartigianato ha promosso la presentazione di subemendamenti a quest’ultimo emendamento del Governo tesi a prorogare:

  • il doppio regime – cartaceo e telematico – per il SISTRI e a sospendere l’applicazione delle sanzioni per la mancata iscrizione e versamento (31 dicembre 2018);

  • il termine per l’effettuazione del versamento di tributi sospesi (28 febbraio 2018)  e del ricorso al finanziamento agevolato (31 gennaio 2018) per i territori colpiti dal sisma del 2016;

  • il termine per l’adeguamento ai requisiti tecnico professionali della figura del meccatronico.

Questi sub-emendamenti sono stati presentati da diversi partiti (ALA, AP-NCD, AUT, FI-PDL, LEGA. Misto-Fare! PRI, MDP).

Per quello che riguarda il SISTRI è stato respinto, con il parere contrario del Governo e dei relatori, l’emendamento di FI-PDL, della Lega e di MdP con l’astensione del M5S. E’ stato, invece ritirato l’emendamento in materia proposto da ALA, AP-NCD e AUT.

Le proposte emendative relative alla proroga per l’adeguamento dei requisiti tecnico professionali degli autoriparatori (meccatronici, gommisti e carrozzieri) a firma di FI-PDL, LEGA e MDP sono state respinte, con il parere contrario del Governo e dei relatori. E’ stata invece ritirata quella a firma del gruppo AUT.

Tutti gli altri emendamenti promossi dalla Confederazione sono stati presentati da tutte le forze politiche (per approfondimenti v. Scheda Lobbying Web del provvedimento e Scheda dei singoli parlamentari sulla Piattaforma Lobbying Web). Tra questi ne sono stati segnalati, e quindi esaminati e votati dalla Commissione Bilancio, solo alcuni.

In particolare sono stati respinti, con il parere contrario del Governo e/o dei relatori, quelli relativi a

  • consentire il riporto delle perdite per le imprese che adottano il “regime di cassa”;

  • deducibilità dell’IMU per gli immobili strumentali delle imprese;

  • soppressione della riduzione della percentuale (dal 65% al 50%) per alcuni interventi di efficienza energetica (finestre, infissi, schermature solari e sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione);

  • modifiche alla disciplina del superammortamento;

  • valorizzazione delle imprese artigiane nei distretti del cibo;

  • riduzione di adempimenti fiscali.

Sono stati, invece, ritirati nel corso del dibattito gli emendamenti relativi alla valorizzazione dell’apprendistato sia attraverso l’estensione a 24 mesi dell’esonero contributivo in caso di contratto indeterminato al termine del periodo di apprendistato, sia mediante il riconoscimento in via strutturale dello sgravio contributivo totale per i primi 3 anni per le assunzioni in apprendistato per le micro imprese.

Il provvedimento è ora all’esame dell’Aula e probabilmente verrà posta la questiona di fiducia.

 

Le misure approvate dalla Commissione

 

Sul ddl di Bilancio per il 2018, all’esame dell’Aula del Senato a partire da oggi, il Governo porrà la fiducia sul testo approvato dalla Commissione.  Successivamente il provvedimento passerà in seconda lettura alla Camera dove è stato già calendarizzato in Aula a partire dal 18 dicembre. Le votazioni in Commissione sono, al momento previste, da lunedì 11 dicembre ed il termine degli emendamenti in Commissione Bilancio dovrebbe essere fissato tra lunedì e martedì della prossima settimana.

Tra le modifiche approvate dalla Commissione sono poche quelle di diretto interesse delle imprese. Tra gli emendamenti approvati che recepiscono le proposte di Confartigianato:

  • Apprendistato duale: stabilizzati gli incentivi per l’apprendistato duale e previsto rifinanziamento di 50 mln. di euro;

  • Istituti tecnici superiori: sono state incrementate le risorse (5 mln. di euro) per ogni anno dal 2018 al 2020 per l’adeguamento offerta formativa a Impresa 4.0;

  • Distretti del cibo – previsto  il coinvolgimento del Ministero dello sviluppo economico per garantire le esigenze delle imprese operanti nei distretti per l’emanazione del decreto che definirà criteri, modalità e procedure per l’attuazione degli interventi per la creazione ed il consolidamento dei distretti del cibo.

Tra gli altri emendamenti approvati di possibile interesse:

  • spese di installazione di micro-cogeneratori : stabilita la detraibilità per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, sostenute dal 1º gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro;

  • Esercenti attività commerciale settore vendita di libri al dettaglio: riconosciuto, a decorrere dal 2018, un credito di imposta di 20.000 euro per gli esercenti di librerie che non risultano ricomprese in gruppi editoriali dagli stessi direttamente gestite (cd. indipendenti) e 10.000 euro per gli altri esercenti.

  • Caregiver:  istituito presso il Ministero del  lavoro e delle politiche sociali, un Fondo per il sostegno del ruolo di cura e di assistenza del caregiver familiare, con una dotazione di 20 milioni di euro annui;

  • Ristoro dei risparmiatori delle banche venete: stanziati  25 milioni di euro per il 2018 e di altrettanti per il 2019 in un Fondo del MEF creato ad-hoc per ristorare  le “vittime del Salva banche”, quindi i risparmiatori delle 4 banche in liquidazione dal 22 novembre 2016 (Banca Etruria, Carife, CariChieti e Banca Marche) e i risparmiatori delle due banche Venete fallite e salvate con decreto, Popolare di Vicenza e Veneto banca.

  • Bonus Bebè: prevista proroga del bonus e confermato l’importo di 480 euro annui per le famiglie fino a 25mila euro di reddito per il 2018. Dimezzato a partire dal 2019;

DL Fiscale approvato in Commissione

 

Approvato in Commissione Bilancio della Camera il Dl Fiscale (AC 4741): respinti tutti gli emendamenti. Nella giornata di oggi 29 novembre il Governo ha posto la questione di fiducia per l’approvazione definitiva attesa entro la fine della settimana,  sul testo così come uscito dal Senato.

Tra le modifiche principali apportate dal Senato, si segnalano in particolare:

  • la possibilità per il contribuente di trasmettere i dati semestralmente (e non più trimestralmente) semplificando la procedura è possibilità del riepilogo cumulativo di tutte le fatture di un’impresa inferiori ai trecento euro anziché l’invio delle singole fatture di acquisto e vendita.

  • non applicabilità delle sanzioni per i tardivi o errati invii di fatture, come richiesto dalla Confederazione, purché tali errori siano sanati con un nuovo invio da effettuarsi entro febbraio 2018.

  • rottamazione delle cartelle –  proroga dal 30 novembre al 7 dicembre per il pagamento delle rate, riferite al 2017, in cui può essere dilazionato il pagamento e da aprile a luglio per la rata da versare nel 2018; estesa la domanda anche a quei contribuenti che non l’avevano presentata o che non avevano provveduto al pagamento nel rispetto dei termini fissati

  • Ricostruzione post- sisma: viene riordinata la legislazione in materia recependo alcune delle proposte di Confartigianato.

  • esteso agli enti non commerciali il credito di imposta previsto, a decorrere dal 2018, per le imprese ed i lavoratori autonomi che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, nonché sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, il cui valore superi almeno dell’1% quelli, di analoga natura, effettuati nell’anno precedente. Tale credito di imposta è esteso alla stampa on line;

  • Il Fondo di garanzia per le PMI potrà essere incrementato anche con l’intervento della Cassa Depositi e Prestiti;

  • Sono stati sospesi i versamenti nel pagamento dei tributi anche per i Comuni di Ischia colpiti dal terremoto (30 settembre 2018 data di scadenza della sospensione);

  • Saranno detraibili le spese per alimenti acquistati a fini medici speciali, ovvero quelli adatti ai diabetici, intolleranti al lattosio, al glutine e per i celiaci;

    eliminato il tetto di 2 mandati per i consiglieri delle CCIAA. 

     

     

     

     

     

     

     

     

     

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158