Liquidazione IVA primo trimestre. Le richieste via PEC

05/10/2017

Invitiamo gli imprenditori a consultare periodicamente la PEC perché l’Agenzia delle Entrate sta recapitando lettere d’invito a versare l’Iva dovuta nel primo trimestre 2017.

 

Proprio in questi giorni i contribuenti che, allertati a luglio con una lettera di compliance, non hanno eseguito i versamenti sono destinatari di tale comunicazione. Attenzione pertanto a consultare la posta elettronica certificata perché, se d’accordo con i dati segnalati dal Fisco, ci sono 30 giorni di tempo per regolarizzare la posizione versando quanto dovuto. In questo caso, la sanzione ordinariamente prevista per l’omesso o carente versamento dell’imposta è ridotta a un terzo.

 

Per il versamento, il contribuente potrà usare il modello F24 pre compilato allegato alla comunicazione. Si applica la sanzione ridotta anche se si paga a rate, versando la prima rata sempre entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione.

 

Nei casi in cui, invece, il contribuente ritiene che il Fisco ha sbagliato i calcoli, sempre entro 30 giorni, dovrà fornire i chiarimenti e dimostrare la correttezza dei dati comunicati. Per fare questo, potrà usare il canale di assistenza online Civis, la posta elettronica certificata (Pec) o contattare i centri di assistenza multicanale.

 

In alternativa, il contribuente può sempre rivolgersi a un ufficio territoriale dell’agenzia delle Entrate.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

News recenti

01/07/2020

Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
 

Copyright © 2017 | APA Confartigianato Imprese Milano Monza e Brianza | Milano viale Jenner, 73 | Monza viale G.B. Stucchi, 64 | Tel. 039 36321 | apa@apaconfartigianato.it C.F. 85007610158